CORTOMETRAGGI

“108.1 FM Radio” di Angelo e Giuseppe Capasso

Views
 
 

Un automobilista solitario da un passaggio a un autostoppista. Mentre il secondo cerca di rompere il ghiaccio, il primo appare piuttosto schivo e di poche parole. Quando la radio da la notizia che un assassino psicopatico si aggira nella zona in cui si stanno muovendo, i due piombano in uno stato di paranoia. Tra i due c’è l’assassino? E chi è? “108.1 FM Radio” parte da uno spunto semplicissimo: indurre la paranoia e vedere fino a che punto l’uomo riesce a spingersi. Un esperimento, o meglio un gioco. Gli intenti di Angelo e Giuseppe Capasso, i fratelli che firmano questo cortometraggio, sono chiaramente teorici nonché ludici e da un incipit simile ricavano un bel trattato di sociologia della comunicazione in chiave thriller.Una citazione di McLuhan,  forse il più influente studioso di comunicazione del ’900, apre l’ ’ambizioso cortometraggio “108.1 FM Radio” dei fratelli Capasso: “il medium è il messaggio”. D’altronde, come  il titolo suggerisce esplicitamente, è  la radio, la vera protagonista di questa storia, che si rifà, a un certo cinema thriller  in voga soprattutto negli anni ’80.  Proprio come “The Hitcher“, il film dell’86 diretto da Robert Harmon e citato estensivamente nel finale dalla voce fuori campo della radio. Oltre ai due protagonisti , è  proprio la voce che proviene dall’autoradio della vecchia Audi  a portare avanti la narrazione, che tra silenzi carichi di pathos e inversioni di ruoli porterà inesorabilmente al colpo di scena finale, non prima di aver caricato di una notevole tensione i 15 minuti di quest’opera.Quel che si nota di questo corto è l’accuratezza della produzione,  Apc Productions  proprio puntando sulla qualità sta lentamente emergendo dal sottobosco indipendente del cinema napoletano. Ma quel che si intuisce è anche un netto desiderio di smarcarsi proprio da quella “napoletanetà” che nel bene e nel male ha sempre giocato un ruolo importantissimo nei destini del cinema partenopeo  trovare degli attori senza alcun accento e dei perfetti sottotitoli in inglese  .   I fratelli Capasso, oltre alla  regia, firmano in prima persona anche la fotografia e la sceneggiatura originale assieme a Lorenzo Cammisa, che assieme musiche di Luca Toller delineano un livello complessivo più che buono.

Redazione
the authorRedazione
iMOVIEZ Magazine
Per pubblicare un articolo o un annuncio inviare una mail a redazioneimoviez@gmail.com - iMOVIEZ magazine non ha nessun rapporto con le aziende e i privati che segnalano i casting, la redazione esercita un'azione di monitoraggio sui contenuti pubblicati sul nostro sito, ma non possiamo garantire la correttezza e l'affidabilità di annunci pubblicati/segnalati da terzi o prelevati da altre fonti. Invitiamo i nostri utenti a prestare sempre massima attenzione e a segnalarci eventuali problemi in merito a questo o altri annunci, inviandoci una e-mail."  
error: Contenuto protetto