Registi

UNA GIOVANE REGISTA IN CARRIERA, iMOVIEZ MAGAZINE INTERVISTA CAMILLA LEVI

Views
 
 

Camilla Levi nasce a Milano il 27 agosto 1994 da padre italiano e madre irlandese. Dopo aver passato l’infanzia nella sua home town, si trasferisce all’età di sette anni in California con la sua famiglia, per poi tornare in Italia e vivere l’adolescenza a Monza.

Ciao, Camilla! Raccontaci qualcosa di te: dove e quando sei nata, e dei cosa ti occupi attualmente.
Ciao Erika!  Sono Attualmente vivo a Milano, città in cui ho terminato gli studi universitari laureandomi a luglio in video design all’Istituto Europeo di Design. Ora lavoro e mi occupo di video e grafiche, ma di questo parleremo dopo..

   

Da dove nasce la tua passione per il cinema?
Dal liceo. In terza superiore, dopo due anni di fatiche immense al liceo scientifico per il quale non nutrivo nessun interesse, ho cambiato scuola e mi sono iscritta al Liceo della Comunicazione, che mi ha offerto la possibilità di cominciare ad esplorare il mondo cinema, del teatro e dell’arte.

La tua famiglia, come ha vissuto la tua scelta? Avrebbero preferito per te un indirizzo di studi più tradizionale?
Beh, considerando che i miei genitori incarnano perfettamente il modello tradizionale in quanto sono entrambi docenti all’università, direi che l’hanno presa molto bene. Da quando mi ricordo, sapevano di aver a che fare con una personalità artistica e difficile da gestire su diversi fronti. (ride) Comunque sono molto fortunata ad avere loro come genitori. Non mi hanno mai imposto nulla e hanno sempre rispettato e incoraggiato nelle mie scelte, purché fossero fatte con la testa.

Quali scuole hai frequentato per concretizzare la tua passione?
Come dicevo prima, il mio trampolino di lancio verso questo campo è stato il mio liceo che mi ha dato una infarinatura teorica delle regole fondamentali del cinema e mi ha introdotto al suo vasto e magico mondo. Successivamente mi sono iscritta allo IED (Istituto Europeo di Design) per incrementare queste conoscenze teoriche e sperimentare con la pratica.

Cosa immaginavi che fosse, una scuola di cinema? Era come avevi immaginato o era tutta un’altra cosa?
Beh, quella che ho frequentato io non è proprio una scuola di cinema. E’ una scuola di design con offre anche un corso di video, il che è ben diverso. Sicuramente le grandi scuole di cinema, stile USA, sono molto più attrezzate e non lasciano spazio per tempi lenti di apprendimento di software o macchine.

14699481_741603982653498_1580387894_o

 
 

Tutti i bambini sognano di fare gli attori. Come mai, tu hai preferito stare dall’altro alto della telecamera?
Penso che raccontare una storia abbia un potere mastodontico e se questa storia fosse composta da immagini sarebbe ancora più affascinante: le stesse immagini e la colonna sonora sono parte della storia stessa. Penso che apparire sia molto bello, ma alquanto vincolante. No, non ho mai sognato di fare l’attrice. Quando ero più piccola volevo fare la cantante!

 
 

E se non ti occupassi di regia, che altro vorresti fare? Non è certo un mondo in cui manchino le opportunità di mettersi in luce, qualora si abbiano delle idee o del talento!
Mi piace molto anche il montaggio che, dopo l’idea, è il cuore del film. Cambia il montaggio, cambia la storia.

Terminata la scuola, cosa ti si apre, davanti? Si fa tirocinio con qualche regista già affermato? Si inizia già per conto proprio?
Finita la scuola comincia il vero dilemma. Fortunatamente a me è stato offerto uno stage da Sky Italia come video maker producer. Si tratta di una figura che si occupa prevalentemente delle creatività per vari promo che vanno in onda sui diversi canali. Nonostante abbia iniziato da poco, spero di trarre il massimo da questa nuova esperienza e di appendere il più possibile in tutti i vari ambiti esplorati.

A parte gli obiettivi concreti, hai anche dei sogni in merito, più o meno irrealizzabili?
Diciamo che Hollywood non rientra nelle mie aspirazioni maggiori, non credo molto nel cinema d’intrattenimento. Preferirei avere l’opportunità di portare in giro per il mondo qualche mio lavoro, magari una video installazione e poter vedere la reazione del pubblico, lì, in quel momento. (nota: una video installazione può essere qualsiasi cosa, non ha una forma definita. Implica solo dei contenuti audio e video inseriti in un contesto diverso da quello del cinema)

Quali film sono stati i tuoi cult?
Sicuramente “Vertigo” di Mr. Alfred Hitchcock, il mio idolo. E’ stato proprio grazie ai film del maestro del brivido che mi sono avvicinata al mondo del cinema. Sono rimasta affascinata soprattutto dalla sua dimensione psicologica: Hitchcock ha rivoluzionato il concetto stesso di coinvolgimento emotivo del pubblico. La sua suspance, infatti, è basata su un concetto molto semplice: mettere lo spettatore in condizioni di sapere anche solo un attimo prima del personaggio quello che sta per succedere nel film. Questo fa scattare una serie di meccanismi di allerta nella mente di chi assiste allo spettacolo. Ad esempio, chi è che non avrebbe voluto avvisare Marion Crane che dietro di lei si stesse avvicinando l’assassino, nella famosa scena della doccia di Psycho, film cult del 1960?

Ami più il cinema drammatico o quello comico?
Amo il cinema che mi coinvolge emozionalmente e psicologicamente. Quindi è più facile ricadere sul drammatico, anche se il mio genere preferito è il thriller psicologico.

Verso quale o quali generi di film ti senti più portata?
Questa è una domanda al quale devo ancora trovare le mie risposte… Non ho ancora avuto modo di cimentarmi in tutti i generi, e lo scoprirò solo lavorando e facendo il maggior numero di esperienze.

Hai girato un “cortometraggio” che poi durava due ore. Come si fa? Riesci a elencarci tutto il da farsi dall’inizio? (esempio: trovare gli attori, trovare dove girare, mettere insieme la troupe, il materiale di scena, il materiale tecnico, prima si gira una cosa e poi un’altra…)
14686479_741600189320544_2033341168_nSi, Le Terre Desolate era nato come un corto, si è sviluppato come un medio e si è concretizzato in un lungomentraggio. Le fasi di lavorazione e gli sforzi impiegati sono stati parecchi. Non avevamo budget e nemmeno una troupe numerosa, anzi, abbiamo girato l’intero film in 5. Fortunatamente, essendo anche la nostra tesi di laurea, l’Istituto IED ci ha fornito il materiale tecnico, camera, luci, obiettivi e tutto il necessario. Dopo aver scritto il soggetto e lo script abbiamo iniziato a cercare location, attori, oggetti di scena e costumi. In questo film una ricerca accurata delle location era fondamentale, avevamo bisogno di passare da una città super moderna in cui non esisteva alcun tipo di vegetazione, ad un bosco rigoglioso passando per dei luoghi in cui il progredire della presenza naturale doveva essere evidente. Comunque, una volta trovato tutto il necessario, abbiamo steso un piano di produzione e abbiamo iniziato a far provare gli attori. Abbiamo girato prima le scene a Milano con le figurazioni speciali e qualche comparsa, poi ci siamo spostati in Abruzzo per girare gli ultimi due atti, le terre desolate e il bosco, rispettivamente sul Gran Sasso e nel bosco di Sant’Antonio. Poi siamo tornati a Milano e abbiamo iniziato la post produzione. Penso che tutti noi possiamo concordare sul fatto che sia stato un lavoro tanto faticoso quanto gratificante e per questo siamo molto contenti.

Cosa si prova nel vedere il tuo lavoro sullo schermo e la sala piena di gente?
E’ una grande soddisfazione, immensamente gratificante. Vedere la gente reagire, emozionarsi, commentare o tacere davanti alla tua creazione è una sensazione indescrivibile. Sai che sei tu ad averli emozionati, ad averli fatti piangere o ridere.

Secondo te un film deve contenere un messaggio sociale, politico, di vita, o dev’essere solo intrattenimento?
Assolutamente sì! Almeno, quello che faccio io deve contenere un messaggio. Il cinema come solo intrattenimento per me non è cinema, almeno non nel senso artistico del termine e sinceramente lo trovo noioso. Poi ci sono anche una serie di video e cortometraggi che sono puramente estetici. Non per forza contengono chissà quale messaggio sociale o politico, anzi, molti di questi si concentrano sulla forma e ne fanno il loro punto di forza, andando a comunicare semplicemente delle suggestioni. Alcuni di questi sono molto belli.

Effetti speciali: fino a che punto sono utili, in un contesto narrativo?
Sai, dipende sempre da ciò che stiamo raccontando. Spesso “less is more” (meno si esagera, meglio è) è la chiave giusta. Una realizzazione semplice risulta molto più efficace rispetto ad un bombardamento di effetti, fronzoli e arricchimenti. Questi, non solo non aggiungono nulla alla narrazione, ma diventano sgradevoli e la appesantiscono. Certo che se stiamo girando Spider Man o un qualsiasi altro action movie, il discorso cambia.

Sei tanto giovane. Pensi che sia possibile che la regia sia solo il primo passo in un cammino votato all’espressività in tutte le sue forme?
Assolutamente sì. Le mie passioni sono tante e, per quanto diverse, hanno dei denominatori comuni e confluiscono in un’unica direzione, quella di esprimermi in tutti i modi possibili e magari inventarne altri. Chissà… Ma d’altronde anche Man Ray diceva “I only know one thing: the need to express myself one way or another.” (Conosco solo una cosa: il bisogno di esprimermi in un modo o nell’altro)

Quale tipo di forma artistica ti interessa maggiormente? (canto, poesia, scrittura…)
14694699_741600625987167_1065260929_nNon saprei dire in quale forma artistica mi rispecchi maggiormente. Se qualcosa mi emoziona o cattura la mia attenzione per qualche motivo, allora sono curiosa di scoprirla. Il canto e la musica in generale sono forse la cosa che mi porto dietro da sempre, è la mia forma di sfogo per eccellenza. Ascolto musica sempre, quando lavoro, quando esco e quando sono a casa. Infatti non ho un genere preferito, ho musica diversa per ogni situazione. Su un altro fronte invece posso dire di essere particolarmente affascinata dalle silografie dei paesaggi di Hokusai che mi trasmettono una grande pace. Oppure dai girasoli di Emil Nolde o ancora dalle meravigliose contraddizioni surrealiste di Renè Magritte.Amo anche la poesia come forma di liberazione, quando le parole non sono altro che un simbolo di uno stato dell’essere spontaneo e fragile.

Hai mai pensato ad un film in cui si parli di arte, con dei tuoi lavori inseriti nella storia come piattaforma di lancio? (una tua canzone in sottofondo, dei tuoi dipinti inquadrati o cose del genere)
In realtà, no. Fino ad ora ho sempre cercato di tenere separate le strade artistiche che percorro, anche se spesso queste tendono ad incrociarsi da sole. Accadde più per forma mentis che per contenuti. Quando scrivo un film, ad un certo punto viene sempre fuori la mia vena melodrammatica, magari sotto forma di un solitario monologo psicologico oppure in qualche flusso di consapevolezza. Anche quando metto su carta i miei pensieri sparsi, spesso diventano testi per le mie canzoni.

Concludi con qualcosa che vorresti dirci, una frase o un aforisma che senti particolarmente.
Vorrei lasciarvi con uno dei miei brevi pensieri di passaggio: “Cieli di cemento e nuvole di mattoni, tempi duri per sognatori inesperti”

Grazie a Camilla Levi per la sua disponibilità e mille auguri per la sua carriera!

 

vimeo.com/camillalevi

 

 

di Erika Corvo

Redazione
the authorRedazione
iMOVIEZ Magazine
Per pubblicare un articolo o un annuncio inviare una mail a redazioneimoviez@gmail.com - iMOVIEZ magazine non ha nessun rapporto con le aziende e i privati che segnalano i casting, la redazione esercita un'azione di monitoraggio sui contenuti pubblicati sul nostro sito, ma non possiamo garantire la correttezza e l'affidabilità di annunci pubblicati/segnalati da terzi o prelevati da altre fonti. Invitiamo i nostri utenti a prestare sempre massima attenzione e a segnalarci eventuali problemi in merito a questo o altri annunci, inviandoci una e-mail."  
error: Contenuto protetto