CORTOMETRAGGI

NON ASCOLTARE IL CUORE, ON LINE IL CORTOMETRAGGIO DEL REGISTA ANDREA DI BARTOLO

Views
 
 

E’ on line e visibile a tutti “Non Ascoltare il cuore” il nuovo cortometraggio del regista alessandrino Andrea Di Bartolo e che fa parte del progetto “NON E’ SOLO UNA DONNA” ideato da Caterina Susi e dal regista novese Emanuele Lince. L’intento è quello di unire tre registi alessandrini, Emanuele Lince, Andrea Di Bartolo e Alexander Delnevo, facendo sviluppare ad ognuno di loro un corto avente come tematica la violenza sulle donne. Il tutto per sensibilizzare l’opinione pubblica su un argomento che tristemente e prepotentemente sembra essere entrato far parte della nostra quotidianità. Caratteristica essenziale dei corti sarà quella di non mostrare la violenza fisica vera e propria ma di parlarne descrivendo l’istante successivo, a ciò che essa porta. Ogni regista ha una tematica distinta da sviluppare. Tutti i corti confluiranno poi in un unico lungometraggio. Il primo episodio è stato ”Il lupo” di Emanuele Lince, in collaborazione con Caterina Susi, Daniele Lince, Annalisa Flori, il Conservatorio Vivaldi di Alessandria e il compositore musicale Marco Grasso, seguito, appunto, da “Non ascoltare il cuore”, di Andrea Di Bartolo, realizzato in collaborazione con la Compagnia Teatrale Stregatti e la Andrea e Paolo Lombardi Productions di Torino. Per gli attori ed il regista non è stato facile raccontare una tale tragedia in un film, descrivendo il tutto in modo introspettivo: quello che una donna ha provato, come ha potuto esprimerlo, come non ha reagito, o come avremmo voluto che reagisse alla violenza. Mentre il primo episodio, “Il lupo”, ha trattato il tema della pedofilia, Non Ascoltare il Cuore si è concentrato sulla violenza domestica, raccontando parte di quelle storie che il regista tocca tutti i giorni con mano. Nella sua vita professionale Andrea di Bartolo lavora anche in una casa residenziale e ha modo di ascoltare le storie di molte donne. Questa realtà , situazioni quasi biografiche, non sono così restate soltanto idee per un cortometraggio chiuse in un cassetto, confessioni difficili e piene di lacrime dimenticate o passate inosservate ma sono diventate realtà, rompendo quel silenzio che neanche una collana può comprare; un gioiello che descrive un fenomeno trasversale, che non ha un volto, una classe sociale tantomeno un conto in banca. Nel cortometraggio si vede una donna è seduta davanti

imoviezmagazine.it

   

ad uno specchio. Accarezza il suo volto e le sue braccia segnate dalla violenza. La Sua mente racconta i suoi tormenti, le sue emozioni. Dentro di sé vive un amore contrastante. Vale veramente la pena continuare ad amare a tutti i costi, anche quando l’uomo della tua vita ti picchia e ti umilia tutti i giorni? Vale la pena accettare i suoi regali in segno di scusa sapendo che il giorno dopo tutto ricomincerà da capo? Quella donna farà una scelta e dirà di no ai ricatti, ai soprusi, alle violenze, senza più cedere ai compromessi. Non venderà più la propria vita ad un amore che non esiste. Deciderà di non ascoltare più il cuore ma la mente, la parte razionale di sé che sussurra di scappare via, di riprendersi quella vita riflessa soltanto in uno specchio. Come Marilyn Monroe si sente una donna fragile, come lei decide di trovare un uomo che le rovini il rossetto con i baci non il mascara con le lacrime. Non Ascoltare il cuore è nato da una storia ideata dall’attrice protagonista Giusy Barone che si è ispirata proprio al personaggio iconico della mitica Marilyn e si avvale dell’apporto emozionale della poesia omonima scritta da Fabio Gagliardi vincitrice del premio Città di Sarzana 2015. Leb musiche sono del compositore Fabio Serra, membro del gruppo rock Roccaforte che ha già collaborato con Di Bartolo firmando alcune colonne sonore dei suoi precedenti cortometraggi. Il ruolo maschile è stato affidato a David Turri attore della Compagnia Teatrale Stregatti. E’ un piccolo cortometraggio ma la crew nel realizzarlo ci ha messo il cuore, nella speranza che possa essere il primo fotogramma di un lungo film che porti ad una sempre maggiore presa presa di coscienza di questa tragedia che può e deve essere fermata.

 

 

GUARDA “NON ASCOLTARE IL CUORE”

 

 

 
 
Redazione
the authorRedazione
iMOVIEZ Magazine
Per pubblicare un articolo o un annuncio inviare una mail a redazioneimoviez@gmail.com- iMOVIEZ magazine non ha nessun rapporto con le aziende e i privati che segnalano i casting, la redazione esercita un'azione di monitoraggio sui contenuti pubblicati sul nostro sito, ma non possiamo garantire la correttezza e l'affidabilità di annunci pubblicati/segnalati da terzi o prelevati da altre fonti. Invitiamo i nostri utenti a prestare sempre massima attenzione e a segnalarci eventuali problemi in merito a questo o altri annunci, inviandoci una e-mail."
error: Contenuto protetto