CASTING

NORBERTO WITTWER, UNA VITA PER LA FOTOGRAFIA

Il fotografo Norberto Wittwer al Festival del Film Locarno (estate 2019)

Per me fotografare significa dipingere con la luce e ovviamente significa metterci la propria creatività

Views

iMOVIEZ incontra ed intervista il fotografo Norberto Wittwer.

 

 

Come ti sei avvicinato alla fotografia?
Ho iniziato i primi passi da ragazzino usando una Minolta SR-T 303, dopo gli studi ho comperato una Nikon F4 e più tardi la Nikon F5 che ho ancora tutt’ora e con la quale riprenderò con qualche progetto di fotografia analogica in bianco e nero perché dà maggior spazio alla creatività del fotografo. Per me fotografare significa dipingere con la luce e ovviamente significa metterci la propria creatività.

Norberto Wittwer con Mariela Candia Ramos (Miss America Latina 2005) sul Petersgrat, davanti il panorama mozzafiato delle alpi bernesi con Eiger, Mönch e Jungfrau.

Qual è la differenza principale nel fotografare in analogico a confronto con la tecnica digitale di oggi?
Con il materiale analogico si doveva pianificare nei minimi dettagli gli shooting. Questo iniziava con la scelta della pellicola adatta (bianco e nero, colori oppure diapositive), l’uso delle luci e dei filtri correttori per ottenere un bianco pulito. Una volta finito il servizio fotografico si sviluppava il materiale e si passava alla stampa su carta che offriva a sua volta una certa scelta, in special modo se si stampava in bianco e nero su carta Ilford. La fotografia digitale offre vantaggi come l’immediata disponibilità dello scatto e la possibilità di inviarlo tramite internet alle agenzie o alle redazioni. La postproduzione permette la correzione (e ovviamente anche la manipolazione e il fotomontaggio) dell’immagine. Ma rende anche più difficile controllare la diffusione (non voluta o non autorizzata) in internet.

Norberto Wittwer durante un evento al Club 55 Milano dove ha presentato il nuovo film “La modella sconosciuta”

Negli ultimi anni ti sei fatto anche un nome come organizzatore di eventi e sfilate di moda di rilievo, raccontaci un po’
Sì, è vero. In questi cinque anni ho potuto organizzare oltre cinquanta eventi tra sessioni fotografiche (model sharing, workshop), vari eventi e sfilate di moda. Ricordo per esempio il servizio fotografico per Monte Varchi oppure Gianni Tolentino (in collaborazione con Gianni Graziano di Elihair Agency Milano). Sono stato attivo anche all’estero perché mi piace molto viaggiare. Ho scattato per esempio alla New York Fashion Week per Andres Aquino. Anche le destinazioni più esotiche mi attirano. Una di queste è Aruba, un’isola nei Caraibi. Ho realizzato un servizio fotografico per una nota stilista locale. Un evento che si presta per chiudere l’anno è l’aperitivo natalizio all’Hotel Gallia Excelsior a Milano. L’albergo è la location perfetta per presentare modelle, stilisti di moda e fotografi.

Alcune modelle dell’agenzia di Norberto Wittwer durante il Festival del Cinema di Cannes, maggio 2019

Sembra che il model sharing sia diventato un Trend come anche la modalità TF. È vero?
Senza dubbio. Questo Trend è nato dalla necessità di unire modelle e fotografi organizzando un model sharing, spesso allo scopo di ridurre i costi di produzione. Un model sharing è interessante solo quando sono coinvolte poche modelle e pochi fotografi, dando così ampio spazio ad interagire con la modella, curando i dettagli dello scatto e le pose. Ho visto eventi con 20 modelle e 15 fotografi e mi sono chiesto seriamente se in casi simili la qualità è ancora garantita. Per contro la modalità TF (time for) è un concetto dove la modella e il fotografo si accordano per uno shooting senza compenso, scambiando con reciproco beneficio i rispettivi tempi professionali per avere come risultato fotografie che vengono usate da entrambi.

Ilenia Giliotti a Monterosso

Quale è il genere di fotografia preferito da te?
Mi piace molto il Beauty dove posso sottolineare la bellezza della modella, l’espressione oppure lo sguardo perché una fotografia deve raccontare una storia.

Melissa Bassetti mentre posa ad Aruba per un noto stilista

Che influsso ha avuto il Covid-19 per te e il tuo lavoro?
Il Covid-19 ha cambiato tutto, a partire dalla domenica del 23 febbraio quando ci è stato detto che tutte le sfilate erano sospese. Quel giorno avevamo la nostra sfilata al Club 55 a Milano. Nel corso di due ore abbiamo organizzato un aperitivo all’Hotel Gallia con sessione fotografica a seguito. Per l’Italia iniziò il lockdown, l’arresto dell’economia, la chiusura di negozi, bar, ristoranti e fabbriche. Fermo il turismo, si bloccano i voli, si chiudono le frontiere. Adesso si riparte, ma il dubbio e la paura sono rimasti insieme a molte domande: ci sarà la Fashion Week a Milano? Andremo a New York? Scatteremo al mare?

Quanto è importante la tua presenza sui social media?
Personalmente non ho mai dato grande importanza ai social media, ai Follower e alle migliaia di Like. Con il passare degli anni ho iniziato a curare la mia presenza su Facebook, Linkedin ed Instagram, ma non seguo TikTok, Twitter o Pinterest.

Quali sono i prossimi progetti che affronterai?
I progetti grandi e importanti aspettano di essere rilanciati dopo la “normalizzazione” della situazione Covid-19. Parliamo in concreto di format video, televisione e cinema. Sicuramente iniziamo ancora quest’anno con la realizzazione di un reality show, ma niente gossip. Sarà un reality show che coinvolge vere modelle, veri stilisti e veri fotografi. La nostra ambizione è la realizzazione di contenuti autentici, credibili e di alto livello.

Norberto Wittwer con la top model tedesca Jaqueline Backer durante una pausa

Norberto Wittwer è un fotografo internazionale che si occupa da molti anni di beauty, persone, glamour, editoriali e inoltre è organizzatore di eventi e sfilate di moda. Negli ultimi cinque anni ha organizzato oltre 50 eventi tra shooting fotografici, workshop e sfilate di moda (ricordiamo le sfilate durante la MFW 2019 a Palazzo Marino e la Fabbrica del Vapore, i Fashion Days di Cannes e il photoshooting ad Aruba oppure gli aperitivi natalizi all’Hotel Gallia di Milano).

 

 

Contatti & Booking:

  • Norberto Wittwer

Email: booking@wittwer.pro

WhatsApp: +39 340 191 7649

  • Social media

facebook.com/norberto.wittwer

instagram.com/wittwer.pro

 

 

 

 

 

Testo di Maria Di Santo

Fotografie di Norberto Wittwer

 

 

 

 

 

Redazione
the authorRedazione
iMOVIEZ Magazine
Per pubblicare un articolo o un annuncio inviare una mail a redazioneimoviez@gmail.com - iMOVIEZ magazine non ha nessun rapporto con le aziende e i privati che segnalano i casting, la redazione esercita un'azione di monitoraggio sui contenuti pubblicati sul nostro sito, ma non possiamo garantire la correttezza e l'affidabilità di annunci pubblicati/segnalati da terzi o prelevati da altre fonti. Invitiamo i nostri utenti a prestare sempre massima attenzione e a segnalarci eventuali problemi in merito a questo o altri annunci, inviandoci una e-mail."