Registi

VEIT HELMER RACCONTA IL SUO ULTIMO FILM THE BRA

Views

Il regista Veit Helmer racconta la sua poetic comedy The Bra.

 

 

Come è nata l’idea di questa storia?
Sono stato ispirato dalla vicinanza della capitale dell’Azerbaigian, Baku. Lì, in una zona in particolare, i binari dei treni sono così incredibilmente vicini alle case che vengono usati come strade e luoghi di aggregazione. Gli abitanti di quest’area chiamano il loro quartiere “Shangai”. La vita si svolge sui binari, dove i treni passano varie volte al giorno. Questi luoghi mi hanno suggerito di scrivere una storia su un macchinista solitario che, al termine della sua giornata di lavoro, riporta ai legittimi proprietari gli oggetti che il treno durante la giornata ha intercettato passando. Appena prima del suo pensionamento, il macchinista trova un reggiseno. Il film racconta l’avventurosa
ricerca della sua proprietaria.

Come sei arrivato alla location dove hai girato?
L’Azerbaigian mi affascina. É come se fosse perso da qualche parte tra Europa e Asia e nonostante la distanza da Russia, Armenia o Iran, è un luogo in cui si incrociano diverse culture e religioni. Musulmani, cristiani ed ebrei vivono fianco a fianco in pace. Per anni ho voluto girare a Khinaliq, il più alto luogo abitato d’Europa. Ma quando ho visto il quartiere “Shangai”, a Baku, è scattato qualcosa in me e ho deciso di mettere insieme i due luoghi, raccontarli in un’unica narrazione. Già nel 2014 sono stato avvisato del fatto che il quartiere Shangai sarebbe stato demolito. Nel 2017 abbiamo ottenuto il finanziamento per il film e ho potuto girare, appena prima che tutto venisse distrutto.

Qual è il vantaggio di non usare dialoghi?
Il parlato è un modo per raccontare storie che considero non-filmico. Il cinema è essenzialmente fatto di storie che vengono narrate attraverso immagini e suoni. Ma non si può semplicemente eliminare i dialoghi dalla sceneggiatura, perché la storia perde senso. I film senza dialoghi devono essere concepiti proprio in quanto tali. Questo comporta un lavoro notevole nella scrittura. Ma credo che il risultato sia qualcosa di unico per il pubblico che guarda il film.

In questo contesto che ruolo ha la colonna sonora e quali criteri hai usato per sceglierla?
In un film senza dialoghi, si può mettere musica ovunque, è facile. Penso però che le persone siano stanche dell’utilizzo di troppa musica, la televisione ha su questo la sua responsabilità. La musica diventa preziosa quando viene usata con misura. Ho dovuto corteggiare a lungo Cyril Morin ma per The Bra gli ho chiesto di lavorare con me davvero tanto tempo prima di iniziare il film, in modo da trovarlo libero da altri impegni. Lavorando insieme ci siamo resi conto, non senza sorpresa, che i suoni orientali e dell’Europa dell’Est semplicemente non funzionavano. Perché le immagini esprimevano già abbastanza il fatto che la storia fosse ambientata in questo luogo così inusuale. Era più importante sottolineare i sentimenti e le emozioni dei protagonisti. Per i personaggi femminili, ad esempio, ho riscoperto vecchie canzoni pop dell’Azerbaigian, che abbiamo sentito alla radio o in registrazioni datate.

The Bra è un film sbarazzino, in un certo senso, e allo stesso tempo è anche un film malinconico. Si può considerarlo una commedia?
Definire un film con un genere è come chiudere un capo d’abbigliamento in un cassetto: tutti i bottoni e le decorazioni volano via quando cerchi di chiuderlo. Il film senza dubbio inizia come una commedia. Ma poi il macchinista incappa in esperienze che possiamo definire tragiche. Ma il film è anche una storia d’amore. Una storia d’amore con un finale inatteso.

È stato difficile trovare gli attori giusti?
Per fare un film senza dialoghi naturalmente non si ha il problema di doversi limitare agli attori che parlano una determinata lingua. Mi è stato chiaro molto presto che volevo. Miki, coi suoi occhi angelici, può persuadere le donne ad aprire la porta della loro casa, senza temere che possa far loro del male. Si è impegnato ad interpretare il suo ruolo anche prima che ricevessimo i finanziamenti. E non si è mai dato alla fuga, nemmeno quando abbiamo avuto dei guai e la polizia è venuta a bussarci alla porta. Per i ruoli femminili ho chiesto alle attrici che più stimo di diversi paesi. Tutte loro sono state entusiaste del progetto. È stata per me una grande benedizione che Paz Vega, Maia Morgenstern e Chulpan Khamatova abbiano voluto e potuto partecipare alle riprese a Baku.

Come potrà reagire il pubblico vedendo The Bra?
Spero che gli spettatori possano vedere il film come un piccolo cesto che contiene gioielli preziosi, che magicamente scintillano quando si apre il coperchio. Il più grande complimento per me è quando le persone guardano il film più volte e scoprono cose di cui io non mi ero mai accorto. Viene poi un momento in cui il film, in un certo senso, sviluppa una sua personalità, come un bambino che ha imparato a camminare e lascia i suoi genitori. Quello è il momento di lasciarlo andare, e iniziare un nuovo lavoro!

 

 

 

 

TRAILER – THE BRA

 

Print Friendly, PDF & Email
Redazione
the authorRedazione
iMOVIEZ Magazine
Per pubblicare un articolo o un annuncio inviare una mail a redazioneimoviez@gmail.com - iMOVIEZ magazine non ha nessun rapporto con le aziende e i privati che segnalano i casting, la redazione esercita un'azione di monitoraggio sui contenuti pubblicati sul nostro sito, ma non possiamo garantire la correttezza e l'affidabilità di annunci pubblicati/segnalati da terzi o prelevati da altre fonti. Invitiamo i nostri utenti a prestare sempre massima attenzione e a segnalarci eventuali problemi in merito a questo o altri annunci, inviandoci una e-mail."