FORMAZIONEworkshop

WORKSHOP ESPERIENZIALE DI RECITAZIONE CINEMATOGRAFICA

Views
 
 

Una full immersion di 4 giorni dal 29 Agosto al 1 Settembre 2019 in Puglia presso “Teatro Casa delle Arti” – Vico I Donato laia,14 – Conversano (BA).

 

 

   

Un evento formativo ad alto livello per attori, aspiranti attori di cinema, teatro, tv, ma anche per un pubblico interessato alle tecniche espressive e alla ricerca di sé come percorso di crescita.

L’evento è diviso in due parti:

2 giorni con Nunzia Tarantini: Training esperienziale di atletica affettiva

2 giorni con Giusy Marrone e con Valentina Calabrò : Tecniche di recitazione cinematografica, movimento scenico e preparazione ai provini

Il workshop è a numero chiuso. Per l’iscrizione è necessario inviare candidatura con foto e cv entro il 10 Agosto 2019 a workshop.puglia2019@gmail.com. Ogni altra informazione può essere richiesta inviando un messaggio Whatsapp al +39 3487941099.

 
 

 

 
 

Chi sono i Conductor dei 4 giorni di workshop:

Nunzia Tarantini è una psicologa psicoterapeuta di orientamento junghiano, esperta in psicoterapia psicodinamica individuale e di gruppo, di coppia e della famiglia, tecniche di rilassamento ad orientamento psicodinamico per adolescenti e adulti, psicodramma ad orientamento psicodinamico per adolescenti e adulti, tecniche di suggestione ipnotica. Dal 1980 conduce maratone, corsi, workshop, di Training autogeno, Body storming, Psicodramma analitico, tecniche di suggestione ipnotica.

Giusy Marrone è ed è stata direttore di casting per diverse produzioni cinematografiche. È esperta in tecniche di recitazione cinematografica e movimento scenico ed è una talent-scout. Si occupa anche di scrittura e di regia.

Valentina Calabrò è un’agente cinematografico fondatrice di VyP Talent Agency (www.vyptalentagency.com), agenzia attori e artisti a Milano e Roma, partner dell’Agenzia Patrizia de Santis.

 

I contenuti esperienziali: CORSO DI ATLETICA AFFETTIVA. Per lo sviluppo di una muscolatura affettiva ed un migliore controllo fisico dei sentimenti e della loro espressione.
Un attore è simile ad un vero e proprio atleta e come lui non allena solo il suo fisico, ma anche il suo organismo affettivo in modo da far viaggiare insieme fisico e affetto per creare un corpo perfetto. (N. Tarantini)

Conoscere il segreto del ritmo degli affetti, dei sentimenti e delle passioni, di questa sorta di tempo che è alla base di ogni psiche armonica, è una realtà che crea la differenza nell’essere umano. Sapere che gli affetti hanno uno sbocco corporeo permette di visualizzarli rendendoli sempre più comprensibili, ma soprattutto controllabili dall’essere umano. L’atletica affettiva è un allenamento potente del dialogo fra mente e corpo, dell’interazione tra la parte cosciente e quella profonda dello psichismo, determinando nell’individuo che la pratica un enorme salto di qualità nell’essere fondati su se stessi ed una regolazione consapevole degli affetti, delle emozioni e delle passioni che spesso boicottano lo svolgimento di un’azione.Il Corso verterà sulle tecniche di rilassamento, di spontaneità e di creatività.

Nelle tecniche di rilassamento è dato un posto di rilievo al Training autogeno (T.A.) di Schultz, un metodo di autodistensione da concentrazione psichica che consente di modificare situazioni psicosomatiche. Nel T.A. saranno svolte due serie di esercizi: la prima, inferiore o somatica, la seconda, superiore o psichica. Se il T.A. è l’indispensabile base di partenza per giungere ad una capacità di concentrazione passiva in se stessi, l’allenamento si sviluppa e si evolve con il Body storming, una tecnica di addestramento per tastare la resilienza del corpo di fronte ad eventi di imprevedibilità. Il Body storming (B.S.) è un’efficace guida per il controllo del corpo per un giusto equilibrio dello stato mentale. Ciò significa la conquista della capacità di immergersi fino in fondo negli stati affettivi, emotivi e di intensa passione senza però esserne condizionati e travolti. Il B.S. è una tecnica di contrasto che porta l’individuo a vivere due realtà opposte contemporaneamente, con l’acquisizione di un corpo sempre più dinamico ed elastico, capace di attivare un determinato circuito energetico-affettivo indispensabile in particolari situazioni. Nello Psicodramma vengono sviluppati sia il fattore della spontaneità (“fattore S”) sia quello della creatività (“fattore C”). La creatività è come una bella addormentata che ha bisogno di un catalizzatore per divenire operante. Il principale catalizzatore della creatività è la spontaneità, intesa come qualcosa che emerge dall’interno dell’individuo. Ma cos’è questo qualcosa? Si tratta di una forma di energia? Si tratta di energia, ma di energia non conservabile. Essa sorge e si consuma in un attimo, sorge per essere consumata, cioè espressa, e deve essere consumata per far posto al sorgere di una nuova energia. Senza la spontaneità, la creatività rimane inerte, senza la creatività, la spontaneità è vuota e sterile. Lo Psicodramma fortifica la capacità di accedere al simbolico, e ha una funzione liberatoria di rivelazione e di creazione del soggetto rispetto al reale. È una potente spinta allo sviluppo personale attraverso la scoperta dell’autenticità di sé, l’accesso segreto a nuove potenzialità. La Conductor del corso ha una lunga esperienza nella rielaborazione e nella conduzione di queste ed altre tecniche psico-corporee con persone, in gruppi, in ambienti e territori più diversi e, come psicologa psicoterapeuta di orientamento junghiano, conserva da sempre attenzione e rispetto per gli aspetti più profondi, delicati e autentici della personalità umana.
TECNICHE DI RECITAZIONE CINEMATOGRAFICA, MOVIMENTO SCENICO E PREPARAZIONE AI PROVINI.
Come può un attore esprimere la comunicazione emotiva, coinvolgente, quando non addirittura travolgente, se non riuscendo ad attingere all’autenticità di se stesso pur nella finzione scenica? Questo è il paradosso dell’attore, e quando si parla di “tecnica” si usa una lontana metafora di quello che realmente è “l’arte” dell’attore: la ricerca su se stesso, sulla propria dimensione interiore, dove la dimensione emotiva abita davvero. Ma questa zona del corpo e della mente inestricabilmente congiunti è oscura, inaccessibile, inconscia nella sua radice. Ecco perché solo la pratica, la sperimentazione corporea, l’immersione totale, può dare accesso, a prezzo di duro lavoro, di passione e di coraggio, a dimensioni sconosciute dell’espressione emotiva. L’arte della recitazione, dal teatro antico alle scuole di pensiero più moderne e innovatrici, ha visto nascere e maturare tecniche di grande ampiezza e portata, che spaziano fino alla “arte della scomparsa” (dell’attore come Io razionale e autodeterminato) teorizzata da Antonin Artaud fino al superamento di quest’ultimo da parte di Carmelo Bene, solo per fare un esempio. La “tecnica” dell’attore è dunque un tesoro di conoscenze assai complesse, un vero percorso, affascinante e difficile, alla scoperta del dialogo fra corpo e psiche. Una guida esperta è necessaria. Ce ne saranno tre guide valide per questo. L’unione delle due tecniche ha la finalità di rendere il lavoro più perfetto e di scendere più in profondità, per raggiungere maggiormente la consapevolezza di se stessi.
Per l’iscrizione è necessario inviare candidatura con foto e cv entro il 10 Agosto 2019 a workshop.puglia2019@gmail.com. Ogni altra informazione può essere richiesta inviando un messaggio Whatsapp al +39 3487941099
Redazione
the authorRedazione
iMOVIEZ Magazine
Per pubblicare un articolo o un annuncio inviare una mail a redazioneimoviez@gmail.com - iMOVIEZ magazine non ha nessun rapporto con le aziende e i privati che segnalano i casting, la redazione esercita un'azione di monitoraggio sui contenuti pubblicati sul nostro sito, ma non possiamo garantire la correttezza e l'affidabilità di annunci pubblicati/segnalati da terzi o prelevati da altre fonti. Invitiamo i nostri utenti a prestare sempre massima attenzione e a segnalarci eventuali problemi in merito a questo o altri annunci, inviandoci una e-mail."  
error: Contenuto protetto